Noicisiamo

calendar_todayAnno: 2021

In questa sezione gli esperti di FADOI e SIGG saranno a tua disposizione per rispondere ai tuoi dubbi e alle tue domande.
Inoltre, potrai consultare la sezione dedicata alle FAQ, per trovare risposta alle domande più frequenti.

#NOICISIAMO PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DELLA VITA DEI PAZIENTI IN TERAPIA CON OPPIOIDI

Di cosa si tratta?

Il progetto #NOICISIAMO, realizzato con la collaborazione delle Società scientifiche FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti) e SIGG (Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ), porta avanti l’attenzione che da sempre Fondazione Onda rivolge alle persone che soffrono di dolore cronico.

A chi si rivolge?

Il progetto ha come focus il più diffuso effetto indesiderato associato all’utilizzo di farmaci oppioidi, la stipsi, che ha un impatto così negativo sulla quotidianità da portare, in molti casi, a modificare o abbandonare la terapia in corso: molti pazienti sembrano preferire convivere con il dolore piuttosto che con la stipsi.

I farmaci oppioidi però rappresentano una preziosa opzione terapeutica in moltissime condizioni di dolore cronico (di natura oncologica e non) che altrimenti non avrebbero una cura efficace, specie in caso di dolore moderato/severo e non controllato.

Qual è l’obiettivo?

L’obiettivo della campagna è quello di sensibilizzare medico e paziente sul “carico” fisico e psichico della stipsi da oppioidi (OIC) e di evidenziare l’importanza della comunicazione medico-paziente nella discussione preventiva di questa problematica per individuare una soluzione efficace.

Ecco qualche dato:

In questa sezione gli esperti di FADOI e SIGG saranno a tua disposizione per rispondere ai tuoi dubbi e alle tue domande. Inoltre, potrai consultare la sezione dedicata alle FAQ, per trovare risposta alle domande più frequenti

Compila il form “L’esperto risponde” per inviare la tua domanda: risponderanno gli esperti di FADOI e SIGG

    Gli oppioidi hanno come organo bersaglio il cervello dove si legano, per esercitare la loro azione farmacologica, a specifici recettori.
    Questi stessi recettori si trovano anche a livello periferico nel tratto
    gastro-intestinale: legandosi ai recettori intestinali, gli oppioidi inibiscono la funzione dell’intestino, riducendone motilità e attività secretorie.

    Secondo i dati prodotti dalla letteratura, fino all’81% dei pazienti in terapia con oppiacei a lungo termine sviluppa stipsi.
    Ciò significa che ne soffrono 8 pazienti su 10.

    Posto che qualsiasi modifica della terapia in corso deve essere preventivamente discussa con il proprio medico, è importante sapere che la stipsi è un effetto indesiderato che non risulta dose dipendente e che, a differenza di altri eventi avversi (come nausea, vertigini e sonnolenza), non va incontro a tolleranza (cioè alla regressione spontanea delle manifestazioni dopo le prime somministrazioni).

    Un trattamento efficace della stipsi può  giovarsi di alcuni accorgimenti relativi alla dieta e ad una adeguata idratazione, ma rimane comunque opportuno consultare il proprio medico.

    La diagnosi è formulata sulla base di criteri clinici (Criteri di Roma IV) che fanno riferimento alla presenza e ricorrenza di sintomi e segni specifici (sforzo evacuativo, feci grumose/dure, sensazione di evacuazione incompleta, sensazione di ostruzione/blocco anorettale).

    L’insorgenza o il peggioramento della stipsi durante il trattamento con oppioidi deve essere sempre riportato all’attenzione del medico di riferimento (medico di medicina generale, geriatra, internista, terapista del dolore …). Sono da evitare soluzioni fai-da-te e modifiche della terapia in corso (riduzione del dosaggio/sospensione).

    Come farmaci di prima linea vengono in genere prescritti i lassativi. Nel caso di fallimento, sono disponibili nuovi farmaci (chiamati con l’acronimo inglese PAMORA), in grado esercitare un’azione mirata sul tratto gastrointestinale senza influenzare gli effetti degli oppioidi a livello centrale: legandosi loro stessi ai recettori intestinali, impediscono agli oppioidi di fare lo stesso e dunque di interferire con la funzionalità intestinale.

    Poiché sono farmaci cosiddetti sintomatici che non agiscono sulla causa specifica, cioè sul legame degli oppioidi ai recettori intestinali.

    I PAMORA hanno una struttura molecolare che impedisce di superare la barriera emato-encefalica e di arrivare al cervello. Non interferiscono con il legame oppioide-recettore a livello centrale e pertanto non ne compromettono l’azione analgesica.

    Consulta qui i centri che si occupano di dolore cronico a cui puoi rivolgerti

    Regione: Campania

    Città: Telese Terme (BN)

    Indirizzo: Via Roma, 29

    Telefono: 082 4949111

    E-mail: info@gepos.it

    Regione: Campania

    Città: Napoli

    Indirizzo: Via Enrico Russo, 80147 Napoli

    Telefono: 347 3002271

    E-mail: carolina.bologna@libero.it

    Regione: Campania

    Città: Pozzuoli

    Indirizzo: Via Domiziana Località La Schiana

    Telefono: 081 8552280

    E-mail: medicina.pozzuoli@aslnapoli2nord.it

    Regione: Emilia Romagna

    Città: Parma

    Indirizzo: Via gramsci 14

    Telefono: 3285420221

    E-mail: mmodugno@ao.pr.it

    Regione: Emilia Romagna

    Città: Piacenza

    Indirizzo: Via Taverna, 49. 29121 Piacenza

    Telefono: 052 3302385

    E-mail: c.biasini@ausl.pc.it

    Regione: Lombardia

    Città: Pavia

    Indirizzo: Via Emilia n. 12

    Telefono: 0382381728

    E-mail: hospice@asppavia.it

    Regione: Lombardia

    Città: Rozzano (MI)

    Indirizzo: Via Manzoni 56

    Telefono: 02 82244582

    E-mail: manuela.pastore@humanitas.it

    Regione: Lombardia

    Città: Chiari (Brescia)

    Indirizzo: Viale Mazzini 4

    Telefono: 030/7102644

    E-mail: oncologia.chiari@asst-franciacorta.it

    Regione: Lombardia

    Città: Lecco

    Indirizzo: Via Eremo 4

    Telefono: 045 8126044

    Regione: Marche

    Città: Senigallia

    Indirizzo: Via cellini 1

    Telefono: 071 79092596

    E-mail: cristina.scala@sanita.marche.it

    Regione: Piemonte

    Città: Torino

    Indirizzo: corso Benedetto Croce 29

    Telefono: 011 6193419

    E-mail: info@dottschincogeriatra.com

    Regione: Piemonte

    Città: Asti

    Indirizzo: Corso Dante 202

    Telefono: 014 1489976

    E.mail: mcanicatti@asl.at.it

    Regione: Puglia

    Città: Bari

    Indirizzo: Po San Paolo, Via capo scardicchio

    Telefono: 080 5843688

    E-mail: luisa.angiello@asl.bari.it

    Regione: Puglia

    Città: Taranto

    Indirizzo: Via Bruno 1

    Telefono: 099 4585504

    E.mail: poc.fisiopatologiadigestiva@asl.taranto.it

    Regione: Puglia

    Città: Bari

    Indirizzo: Po San Paolo via capo scardicchio

    Telefono: 080 5843688

    E.mail: luisa.angiello@asl.bari.it

    Regione: Sicilia

    Città: Siracusa

    Indirizzo: Via Testaferrata 1

    Telefono: 093 1724275

    E-mail: massimiliano.loreno@asp.sr.it

    Regione: Veneto

    Città: Verona

    Indirizzo: Piazzale Scuro 1 Verona

    Telefono: 045 8126044

    E-mail: terapia.dolore.br@aovr.veneto.it

    Per saperne di più leggi l’articolo “Noicisiamo per una migliore qualità della vita dei pazienti in terapia con oppioidi:

    Sostieni la salute della donna!